Stralci su le prime indagini (Valpreda + 4 , a cura di un gruppo di Magistratura Democratica Ed. La Nuova Italia 1973)

Le prime indagini

Ore 16,30 di venerdì 12 dicembre 1969: nella Banca Nazionale dell’Agricoltura di Milano, in Piazza Fontana, una violenta esplosione, seguita da una fiammata, semina morti e feriti tra i clienti e gli impiegati che si trovano nella affollata sala sportelli, negli uffici e nei pressi della Banca. Il salone è completamente devastato e gli uffici limitrofi restano seriamente danneggiati.

Il tragico bilancio finale sarà: sedici morti e ottantotto feriti…

Ore 16,25 dello stesso 12 dicembre: viene rinvenuta nella Banca Commerciale, Sede Centrale di Milano, Piazza della Scala, una borsa contenente una cassetta metallica…

Ore 16,55 dello stesso 12 dicembre: nella Banca Nazionale del Lavoro, Sede Centrale di Roma, una violenta esplosione devasta il sottopassaggio…

Ore 17,22 e 17,30 dello stesso 12 dicembre: sull’Altare della Patria, in Piazza Venezia a Roma, si verificano due forti esplosioni…

Nel giro di un’ora, dunque, tra le 16,30 e le 17,30 del 12 dicembre 1969 tra Milano e Roma è stata cagionata preordinatamente e dolosamente la morte di 16 cittadini ed il ferimento di altri centosei. Nessuna motivazione potrà mai giustificare un delitto così infame, vile e gratuito…

La dinamica degli attentati, realizzati tutti con ordigni esplosivi collocati nelle stesse ore dello stesso giorno contro obiettivi per gran parte uguali, non lascia dubbi sulla unitarietà dell’azione che non può che essere ascritta a più persone strettamente collegate fra loro…

Gli organi di polizia vagliano attentamente la posizione di tutti i ‘gruppi’, le ‘associazioni’ e i ‘movimenti’ nel cui seno si sospetta possano muoversi elementi dinamitardi…

Così inizia la lunga requisitoria del pubblico ministero Occorsio, contro Pietro Valpreda e i suoi compagni per gli attentati del 12 dicembre, conclusa dopo due anni di indagini, che le ultime risultanze processuali, raccolte con ben altra obiettività dai magistrati di Treviso e di Milano, hanno dimostrato tutt’altro che «attenta››, anzi ampiamente lacunosa.

La disattenzione del pubblico ministero Occorsio, infatti, balza agli occhi anche di uno sprovveduto lettore fin dalle prime pagine del suo romanzo giudiziario, che, proprio secondo la tecnica ottocentesca del romanzo d’appendice, allo scopo di semplificare e generalizzare concetti complessi, scambia per comodità di rappresentazione i «pochi» con « tutti».

I gruppi, le associazioni, i movimenti cui si riferisce Occorsio non sono «tutti›› i gruppi in cui possono muoversi elementi dinamitardi. Il plurale, in altri termini, copre la mancanza di indagini proprio verso quei gruppi eversivi che negli ultimi anni si sono distinti per assalti a sedi, giornali, organizzazioni democratiche.

Del resto, il primo rapporto dell’Ufficio politico della Questura di Roma, in data 14 dicembre, in questo senso è, sia pure involontariamente, esemplare; dice testualmente:

Si comunica che quest’ufficio, venuto a conoscenza che nelle sedi dei seguenti circoli politici e nelle abitazioni delle sottonotate persone si celavano armi e materiali esplodenti, ha proceduto, con esito negativo, ad ispezioni domiciliari ai sensi dell’art. 41 del T.U. delle leggi di P.S.: Gruppo Politico «Potere Operaio››, Sede Naz.1e dell’U.C.I. (m.l.), Circolo studentesco ellenico, Gruppo anarchico «Michele Bakunin», Sede romana dell’UCI  (m.l.), ASAN «Giovane ltalia», Sede Gruppo «22 Marzo››, Andrianopoulas Stravas, Coltellacci Fernando Giuseppe, Crescenzi Giulio, Fabbruzzi Fausto, Gaeta Raffaele, Giuliani Roberto, Guglielmi Guglielmo, Pera Bruno, Rossi Veraldo, Rosati Luigi, Torlonia Marco Orazio, Zoffoli Sergio, Paratore Fulvio, Pesce Domenico, Palotto Roberto.

Sono state inoltre, interrogate le seguenti persone appartenenti notoriamente a movimenti estremisti, le quali hanno reso le unite dichiarazioni: Allegra Rodolfo, Crescenzi Giulio, Maesano Libero, Andrianopoulas Stravas, Naili Miloud, Casile Angelo, Rossi Veraldo, Torlonia Marco Orazio, Fabbruzzi Fausto, Anagnostopulos Evangelos, Namia Salvatore, Spanò Giorgio, Stenti Bruno, Filippi Stefano, Palotto Roberto, Giuliani Roberto.

Poiché si era avuta notizia che nel corso di una conferenza, promossa dal movimento politico «Potere Operaio», tenutasi in una aula della facoltà di Matematica della locale Università nel pomeriggio del 12 corrente, i presenti avevano applaudito all’annuncio degli attentati terroristici da parte di un oratore, sono state sentite le seguenti persone, indicate a quest’ufficio come partecipanti all’assemblea medesima, le quali hanno reso le dichiarazioni che si allegano: Colasanti Giuseppe, Zoffoli Sergio, Rosati Luigi, Ligini Marco, Mordenti Raoul, Bernabei Marco, Gaeta Raffaele, Pace Lanfranco, Cecchini Domenico.

Le indagini proseguono e si fa riserva di riferire l’esito

In altri termini, i gruppi in cui l’ufficio politico cerca armi ed esplosivi sono troppo pochi, perché si possa definire attenta e non preconcetta l’indagine; manca, ad esempio, «Ordine Nuovo››, «Avanguardia Nazionale››, quasi che perquisizioni ed indagini in raggruppamenti in cui notoriamente albergano il fior fiore dei bombardieri fascisti, qualora fossero state tempestivamente eseguite, avrebbero finito con lo spostare l’attenzione degli inquirenti e dell’opinione pubblica troppo lontano dal circolo 22 Marzo, che appare subito l’obiettivo principale delle indagini, come del resto il secondo rapporto dell’Ufficio politico conferma nella stessa giornata con una precipitazione che distrugge, di fatto, il proposito di nascondere il reale indirizzo delle indagini 1.

Nel corso delle indagini – dice infatti questo secondo rapporto – per l’identificazione degli autori degli attentati in oggetto, sono stati accompagnati in quest’Ufficio, le seguenti persone sulle quali gravano forti indizi di responsabilità in ordine agli attentati stessi. Le medesime si trovano in quest’Ufficio dalla data a fianco di ciascuna di esse indicata:

Pesce Domenico : ore 2.10 del 13 c.m.;

Aricò Giovanni : ore 2.10 del 13 c.m.;

Grignani Stefania : ore ll del 13 c.m.;

Borth Anneliese : ore 1l del 13 c.m.;

Merlino Mario : ore 20.30 del 12 c.m.;

Mander Roberto : ore 6.40 del 14 c.m.;

Casile Angelo : ore 21.30 del 14 c.m.;

Borghese Emilio : ore 21.30 del 14 c.m..

I predetti, tutti appartenenti ai circoli anarchici «Bakunin» e «22 Marzo››, interrogati, hanno fornito delle dichiarazioni reticenti e contrastanti, sul modo in cui hanno trascorso il pomeriggio del 12 corrente. Inoltre, il Merlino ha affermato di avere avuto, in tempi diversi, una richiesta di esplosivo, da parte di Emilio Borghese, Roberto Mander, Pietro Valpreda e Giorgio Spanò, questi ultimi due ancora non rintracciati. Il Borghese, da parte sua, ha affermato di essere stato presente nel laboratorio di via del Boschetto e di cui e proprietario il Valpreda, ad una discussione sull’esistenza di un deposito di materiale esplosivo, situato in via Casilina o via Tiburtina. Nel laboratorio, oltre al Borghese e Valpreda, erano presenti anche  Casile, Aricò, Mander, Emilio Bagnoli ed Enrico Di Cola, questi ultimi due ancora non rintracciati.

Infine, la cittadina tedesca, Borth Anneliese, che in un primo verbale d’interrogatorio, aveva dichiarato chiamarsi Strauss Elke, ha, dopo varie contraddizioni, affermato di essere entrata in Italia clandestinamente e di vivere insieme agli aderenti ai due segnalati gruppi di anarchici.

Si allegano i verbali d’interrogatorio dei predetti e quello di perquisizione de1l’abitazione di Roberto Mander, dove è stata trovata una miccia, della lunghezza di circa 2. metri, nonché i verbali delle dichiarazioni rese da Mander Pietro e da Anna Matteoda, rispettivamente, fratello e madre di Roberto Mander.

Ciò posto, si prega di voler convalidare il fermo dei predetti per il prosieguo delle indagini.

Perché due rapporti nello stesso giorno, dal momento che fin dalla sera del 12 dicembre Mario Merlino aveva fatto «gravi ammissioni››?

Ma altri interrogativi sorgono spontaneamente, se si esamina l’elenco delle persone che vengono «accompagnate» in questura dopo gli attentati. Si tratta, infatti, di militanti dell’estrema sinistra e di cinque adepti di un’organizzazione di destra senza pesanti precedenti, i quali notoriamente non svolgevano nelle rispettive formazioni nessun ruolo dirigente. Così che, leggendo i due rapporti, si ha la sensazione che la polizia voglia dare l’impressione di brancolare nel buio e di essere aperta a vagliare tutte le voci senza discernimento, come nel caso di quel presunto «applauso›› scoppiato a un’assemblea di «Potere Operaio›› alla notizia della strage.

Quasi che i dinamitardi prima eseguano le stragi e poi si applaudano.

La messa in scena della polizia, insomma, è scadente, lacunosa: ma il pubblico ministero Occorsio è soddisfatto. Lui sì che sembra applaudire all’operato della polizia, mentre non dovrebbe coprire il ruolo dello spettatore, ma, con più proprietà. quello del regista dell’indagine.

Sembra di assistere alla stipulazione di un atto notorio, in cui appunto Occorsio è il notaio, anziché a un’indagine giudiziaria che investe non solo l’innocenza e la colpevolezza di alcuni cittadini, ma soprattutto la vita democratica del paese.

Il primo atto, pieno di papere, si conclude la sera del 14 dicembre, quando la polizia tira le redini dell’indagine e ferma solo otto degli ospiti della Questura e tutti appartenenti a gruppi anarchici. Perché proprio questi otto? La polizia afferma che su di essi «gravano forti indizi di responsabilità in ordine agli attentati››. Ma dietro questa formula di rito, le sole motivazioni che possono ricavarsi dal rapporto sono le «dichiarazioni reticenti e contrastanti›› dei fermati «sul modo in cui hanno trascorso il pomeriggio del 12›› e le affermazioni di Merlino e di Borghese circa « l’esistenza di un deposito di materiale esplosivo››.

La reticenza non si comprende in che cosa consista, visto che tutti gli interrogati spiegano chiaramente ed ampiamente i loro movimenti nel pomeriggio del 12. Né si capisce perché gli alibi sarebbero contrastanti: nessun controllo risulta effettuato su di essi, e le dichiarazioni dei fermati, quando se ne effettua il confronto, coincidono perfettamente (si prenda il caso di Aricò e Casile i quali, separatamente interrogati, dicono di essere stati insieme nelle ore degli attentati in una libreria di piazza S. Silvestro) 2.

Quanto alla dichiarazioni rese da Merlino e da Borghese, esamineremo più oltre la totale inconsistenza dell’indizio riguardante l’esplosivo che sarebbe stato in possesso dei membri del 22 marzo 3, giacché ciò che più ci preme rilevare a questo punto è che la stessa polizia non è in grado di istituire alcun collegamento tra il presunto possesso dell’esplosivo e gli attentati e dunque tra gli anarchici e i gravi fatti ad essi attribuiti. Ma, ciononostante, Merlino resta in stato di fermo, benché sulla base delle notizie da lui stesso fornite egli sia estraneo al possesso dell’esplosivo, dal momento che gli viene creduto quando si limita a dichiarare che gli fu richiesto dell’esplosivo e benché l’alibi da lui fornito non solo non abbia minor consistenza di quello degli altri interrogati, ma venga addirittura positivamente verificato mediante la deposizione della madre 4.

La posizione di Merlino e degli anarchici non è dunque diversa da quella degli altri interrogati rilasciati. È quindi logico pensare che l’unica vera ragione del loro fermo sia nell’inciso contenuto nel rapporto di polizia: «tutti appartenenti ai circoli anarchici Bakunin e 22 Marzo››. Ne è prova il simulato fermo alle ore 20 del 12 dicembre, di Salvatore Ippolito, guardia di pubblica sicurezza, addetto al controllo del 22 Marzo sotto le mentite spoglie dello studente Andrea.

Nel rapporto del 14 dicembre Merlino viene qualificato come «fermato››.

In realtà, più che come indiziato, fino alle ore 22 del 14 (quando vengono verbalizzate le sue «informazioni» sul «deposito di esplosivo» di via Casilina), Merlino sembra trattato come uno dei tanti informatori che in quelle ore erano stati convocati in Questura.

Infatti, lo stesso commissario dell’Ufficio politico dr. Umberto Improta nella deposizione del 23 giugno 1970, dichiara:

Debbo infine precisare che nel corso dei primi interrogatori del Merlino, subito dopo il fermo, questi mi disse che, se avesse avuto la possibilità di stare insieme a Mander mi avrebbe potuto dare altre notizie in merito agli attentati di Roma e di Milano. Io aderii alla richiesta del Merlino e li lasciai insieme, il Mander e il Merlino in camera di sicurezza. Il Merlino mi fece successivamente presente che il Mander dopo di essere stato informato dal Merlino delle circostanze di cui noi eravamo già a conoscenza, riferendosi al deposito di esplosivi della via Tiburtina, aveva esclamato: – Ah!, sanno pure questo.

Ma che Merlino sia trattato confidenzialmente risulta anche dalle dichiarazioni di:

– Stefano Serpieri, confidente della polizia (v. lettera della Questura di Roma, 21.11.1970 riportata alla nota 4), nella deposizione del 18 novembre 1970, dice:

Verso le ore 22 del 12 dicembre 1969 mi telefonò un brigadiere dell’Ufficio politico della Questura di Roma dicendomi che mi voleva parlare il dr. Improta che io già conoscevo. Giunto in Questura il dr. Improta chiese se io ero a conoscenza di elementi utili alle indagini relative agli attentati dinamitardi verificatisi qualche ora prima.

In Questura mi trattenni fino a verso le ore 4,30 del mattino e nel frattempo rimasi dopo il colloquio con il dr. Improta, nella sala d’aspetto dell’Ufficio politico ove trovai Mario Merlino ed un altro giovane da me non conosciuto.

– Salvatore Ippolito (lo studente Andrea), nella deposizione del 12 maggio 1970, dice:

La sera del 12 dicembre verso le ore 20 vennero a prendermi due uomini dell`Ufficio politico e mi accompagnarono in Questura ove conferii con i funzionari dell’Ufficio politico che mi chiesero notizie sui movimenti degli appartenenti al movimento del XXII Marzo; riferii circa l’assenza alla conferenza di Merlino e Valpreda, il ultimo risultava partito per Milano. Successivamente fui messo coi fermati, tra i quali in quel momento vi era Mario Merlino.

– Lo stesso Merlino, nel verbale d’interrogatorio del 14.12.1969, ore 22, dice:

A.D.R. – Ad ulteriore conferma di tutto quanto esposto posso aggiungere che questa mattina in Questura, avendo detto che il Commissario mi aveva contestato l’esistenza del deposito di esplosivo degli anarchici sulla Via Casilina, il Mander ha risposto, manifestando una certa apprensione, – sanno pure questo.

Tutte queste dichiarazioni dimostrano che Merlino si intrattenne nella sala d’aspetto del dr. Improta la sera del 12 dicembre, insieme a due informatori della polizia (Serpieri e Ippolito); ebbe un colloquio informale col dr. Improta certamente prima delle ore 6,40 del 14 dicembre (quando viene fermato Mander); sollecitò da Improta l’incarico di acquisire notizie da Mander, la mattina del 14; espletò l’incarico accettando di farsi rinchiudere in camera di sicurezza con Mander; ebbe un ulteriore colloquio con Improta nel quale riferì il grosso esito dell’incontro con Mander («sanno anche questo››).

Nessuna di tali operazioni appare trascritta in un verbale; né è verbalizzato il primo alibi reso da Merlino al dr. Improta appena accompagnato in Questura la sera del 12 dicembre (lettera della Questura di Roma, 21.11.l970).

Le modalità del rapporto Merlino-Improta, i contatti di Merlino con Serpieri ed Ippolito, le omesse verbalizzazioni, sono sicuramente più compatibili con la qualità di informatore che con lo stato di fermato attribuito a Merlino nel rapporto del 14 dicembre.

Resta il fatto che Merlino viene fermato dalla polizia, senza che a suo carico esista il benché minimo sospetto sulla partecipazione agli attentati, salvo il suo particolare legame col circolo 22 Marzo.

Per quale ragione la sera del 14 dicembre, quando viene decisa la sorte del 22 Marzo, la polizia ha tramutato la posizione di Merlino da quella di informatore in quella di fermato?

Non è il primo interrogativo e non sarà l’ultimo che l’inchiesta giudiziaria pone, ma forse nell’incriminazione dell’informatore Merlino si nasconde una risposta globale. E tanto più inquietante apparirà questo capovolgimento di ruolo quando si consideri che Merlino, finito sul banco degli accusati insieme a Mander e agli altri, accetterà il suo ruolo di imputato, protestandosi sì innocente, ma continuando a tacere sui suoi rapporti con la polizia e sui compiti all’interno del circolo 22 Marzo.

Del resto, tutta l’istruttoria prova che il meccanismo giudiziario riceve una decisiva accelerazione proprio dopo «la cantata di Merlino››.

Alle ore 6,40 del 14 dicembre, come si è visto, viene fermato Roberto Mander. Motivo: le sue richieste di esplosivo a Merlino. Ma poiché dai verbali d’interrogatorio risulta che Merlino ha reso le sue dichiarazioni contro Mander solo alle ore 22 del 14 dicembre, si ha una ulteriore prova che Merlino ha parlato confidenzialmente prima delle ore 6.40.

Lo stesso discorso vale anche per Emilio Borghese che viene fermato alle 21,30 del 14. Anche gli elementi a suo carico sono costituiti dalle notizie, sempre informali, fornite non solo da Merlino, ma anche da Salvatore Ippolito, che con Borghese ha avuto nel pomeriggio del 14 dicembre un lungo colloquio.

Secondo il p.m. (requisitoria, p. 49), nel corso di questo colloquio Borghese avrebbe reso ad Ippolito «una vera e propria confessione stragiudiziale che trova il suo sbocco nell’azione svolta la sera del 14 dicembre 1969 dal commissario Spinella che dispose i fermi immediati di Borghese e Gargamelli proprio sulla scorta delle informazioni fornite da Salvatore Ippolito dopo il colloquio con il Borghese››.

La portata di tale «confessione stragiudiziale›› sarà esaminata più avanti. Vale la pena intanto notare che di quella «confessione stragiudiziale›› il p.m. verrà a conoscenza solo nel maggio 1970, quando Ippolito farà la sua comparsa ufficiale nel processo. Ciò non impedisce al dr. Occorsio di convalidare il 17 dicembre, cioè circa sei mesi prima che Ippolito, smesso il suo giaccone di studente, testimoni come poliziotto. i fermi di Borghese e Gargamelli con la solita formula di rito «poiché risulta gravemente indiziato››.

Ed è sempre Ippolito a fornire le notizie utili a rintracciare Valpreda a Milano. Egli infatti ha attentamente seguito i movimenti dell’anarchico nei giorni immediatamente precedenti gli attentati:

A.D.R. – Incontrai il Valpreda, il giorno della sua scarcerazione per l”arresto della rissa e tra l’altro mi disse che doveva andare a Milano, ma senza motivarmi le ragioni; passarono alcuni giorni e vidi che non partiva e allora gli domandai se andava a Milano; il Valpreda mi rispose di non sapere se si sarebbe più recato a Milano.

A.D.R. – L’ultima volta che ho visto il Valpreda è stata la sera del 10 dicembre 1969 alle ore 20,30 circa in una pizzeria di Via del Governo Vecchio… in quella occasione il Valpreda disse che sarebbe partito per Milano il giorno 11 o il giorno 12… (deposizione Ippolito, l1.5.1970).

Nel colloquio del 14 pomeriggio, Ippolito chiede poi intenzionalmente a Borghese notizie di Valpreda e apprende che è a Milano.

E così la notte tra il 14 e il 15 dicembre parte da Roma l’ordine di Occorsio di fermare Valpreda a Milano 5.

 NOTE

1 Come si vedrà nel capitolo dedicato a Merlino, l’Ufficio Politico della Questura era a conoscenza dell’esistenza a Roma di un gruppo di estrema destra facente capo a Stefano Delle Chiaie, sul quale aveva indagato, con l’aiuto delle informazioni fornite dallo stesso Merlino, in relazione agli attentati dinamitardi dell’anno precedente contro i distributori di benzina. Eppure proprio su questo gruppo la polizia trascura di indagare.

2 Da quali criteri siano stati guidati gli inquirenti può essere chiarito nelle prime indagini con qualche esempio.

Annelise Borth viene sentita la mattina del 13 alle ore 11. Rilasciata dopo l’interrogatorio incontra per caso alla stazione Termini verso le 16 due giovani, Bruno Stenti e Stefano Filippi, che la conoscono di vista. La polizia ferma immediatamente i due giovani, i quali entrano così a fare parte del gruppo dei 34 «estremisti» interrogati nella immediatezza delle indagini. Dopo l’incontro la Borth viene ricondotta in Questura e nuovamente interrogata per circa 4 ore.

Gli interrogatori di Aricò, Casile, Pesce, Borth e Grignani, ancorchè estenuanti, non danno il benché minimo risultato. Ciò non impedisce al dr. Occorsio di convalidare il 17 dicembre il fermo di Aricò, Casile e Borth con l’unica immotivata formula «poiché risulta gravemente indiziato».

L’ingiustizia del fermo degli anarchici appare tanto più grave se si confronta la loro posizione con quella dei cinque di destra. Per esempio, a Fausto Fabbruzzi, che dichiara di essersi incontrato previo appuntamento con Stefano Delle Chiaie in piazza S. Silvestro, la polizia chiede solo se ha da fornire notizie utili per le indagini. Eppure quando Stefano Delle Chiaie sarà interrogato dai carabinieri il 19 dicembre, non farà alcun cenno all’incontro col Fabbruzzi nel pomeriggio del 12, mentre dirà di averlo visto la notte tra l’11 e il 12 nei pressi di una trattoria in via Arezzo insieme ad altri amici tra cui il Merlino.

3 Interrogatorio di Merlino davanti all’Ufficio politico della Questura reso alle ore 22 del l4.l2.l969: « A parziale modifica di quanto dichiarato nel mio precedente verbale di interrogatorio preciso quanto appresso:

In merito agli attentati verificatisi negli ultimi giorni a Roma e a Milano, sono in grado di riferire che i miei amici Emilio Borghese, Roberto Mander e Giorgio Spanò, in occasione di incontri che hanno avuto separatamente con me, mi hanno parlato dell’esistenza in Roma di un loro deposito di armi, e materiale esplodente. In particolare i predetti mi hanno detto:

Giorgio Spanò, circa un mese e mezzo fa, nella sede del circolo «Bakunin» di via Baccina, parlando di attentati in genere mi disse di essere al corrente di alcuni fatti e particolari riguardanti gli attentati verificatesi in Roma. Per l’esattezza mi disse di conoscere gli autori dell’attentato compiuto al Senato della Repubblica;

Roberto Mander, il 28 novembre u.s., in occasione del raduno nazionale dei metalmeccanici, in piazza S. Maria Maggiore, verso le ore 10, mentre era in atto il concentramento degli studenti, che poi parteciparono al corteo degli operai, mi disse che aveva bisogno di esplosivo perche la situazione politica stava precipitando e quindi era necessario agire. Inoltre il 10 e l’11 corrente, in via Cavour, verso le ore 20, Roberto, avendogli io riferito alcune cose che mi erano state dette da Emilio Borghese, mi disse che loro effettivamente tenevano un deposito sulla via Casilina ove gli anarchici custodivano dell’esplosivo e delle armi e che quindi era necessario parlare in merito in altro luogo e circostanza;

Emilio Borghese una o due sere prima dell’incontro con Mander, in via del Governo Vecchio n. 22, e precisamente nella sede del circolo anarchico «22 marzo», mi disse che sulla via Casilina aveva un deposito di esplosivo, detonatori ed armi: al riguardosi precisò di avere, in detto deposito, un forte quantitativo di detonatori e minore quantità di esplosivo. Il discorso, per la precisione, è avvenuto la sera del 9 o del 10 corrente e ricordo che soggiunse pure di essere andato al deposito qualche giorno in compagnia di Roberto Mander e Pietro Valpreda. Di essere andato con la macchina di Valpreda e di avere prelevato o di aver depositato con i predetti un certo quantitativo di esplosivo. A conferma di quanto sopra detto preciso che il Borghese, in quella circostanza, o in altra che in questo momento non ricordo, mi fece rilevare che all’insaputa di Roberto Mander, aveva rimediato e conservato, nel deposito di via Casilina, altro quantitativo di esplosivo.

A.D.R. – Ad ulteriore conferma di tutto quanto esposto, posso aggiungere che, questa mattina in Questura, avendo detto che il Commissario mi aveva contestato l’esistenza del deposito di esplosivo degli anarchici sulla via Casilina, il Mander ha risposto, manifestando una certa apprensione, ‘ sanno pure questo’ ››.

Interrogatorio di Borghese davanti all’Ufficio Politico della Questura reso alle ore 1 del 15.12.1969:

«A parziale modifica di quanto dichiarato nel mio precedente verbale di interrogatorio preciso di aver sentito parlare di un deposito di esplosivo tenuto da un gruppo di anarchici. Di detto esplosivo, per la precisione, ne ho sentito parlare una sera in via del Boschetto nel noto negozio di lampadari di Pietro Valpreda. Nella circostanza, al termine di un discorso fatto da due persone che in questo momento non ricordo, sentii fare specifico riferimento ad un deposito di esplosivi appartenenti ad anarchici ubicato sulla via Tiburtina o sulla via Casilina.

A.D.R. – Quella sera che sono stato testimone al discorso fatto nel negozio di via del Boschetto e relativo al deposito di esplosivi, nel negozio stesso erano presenti 6/7 persone, delle quali adesso non ricordo i nomi. Con le stesse persone, quella sera stessa mi sono portato in una trattoria di Trastevere dove abbiamo cenato.

A.D.R. – Il discorso a cui mi sono riferito sopra è avvenuto il 24 o 25 ottobre u.s. nel negozio di via del Boschetto, dove, posso affermare con certezza, c’era Pietro Valpreda. Mi sembra che fossero anche presenti Emilio Bagnoli, Enrico Di Cola, Roberto Mander, Giovanni Aricò ed Angelo Casile. Il fatto che io non ricordi bene il nome delle persone che erano presenti quella sera nel negozio di via del Boschetto è dovuto alla mancanza di luce elettrica nel locale, che era illuminato da una candela. Ripeto che con le stesse persone che si trovavano nel negozio di via del Boschetto, sono andato dopo a cena in un ristorante di Trastevere.

A.D.R. – A cena, di quelli che presenziarono alla riunione in via del Boschetto, non vennero Roberto Mander, Giovanni Aricò ed Enrico Di Cola. Ricordo che cenammo nella trattoria «Angelino», rettifico nella trattoria «Da Mario››, io, Pietro Valpreda, Emilio Bagnoli ed Angelo Casile. Al ristorante «Da Mario›› ci recammo con l’auto di Pietro Valpreda, una 500 Fiat colore verde, targata Milano – non ricordo il numero. Nell’auto ci sistemammo nel seguente ordine: Valpreda alla guida, Casile al suo fianco, io e il Bagnoli dietro.

A.D.R. – Effettivamente in occasione della manifestazione nazionale a Roma dei metalmeccanici, effettuata il 29 novembre u.s., ho incontrato a piazza S. Maria Maggiore Mario Merlino o Roberto Mander, coi quali ho parlato della manifestazione. Io personalmente non ho parlato di esplosivi né ho sentito altri parlarne. Mi ero portato in piazza di S. Maria Maggiore, dove era previsto il raduno degli studenti che poi sono confluiti nel corteo dei metalmeccanici, insieme con Emilio Bagnoli».

Si noti un particolare. Gli interrogatori di Merlino e di Borghese risultano resi rispettivamente alle ore 22 del 14.12 e alle ore 1 del 15.12, cioè oltre 48 ore dopo l’effettuazione del fermo; il rapporto di polizia, cui i predetti interrogatori risultano allegati porta invece la data del 14.12.1969. E’ evidente dunque che il rapporto fu redatto in un momento successivo alla data in esso indicata per far apparire rispettato il termine di 48 ore dai fermi previsto dall’art. 238 c.p.p. per la comunicazione dei motivi del fermo all’autorità giudiziaria.

4 Comunicazione della Questura di Roma al g.i. in data 21 novembre 1970:

«In relazione alla richiesta della S.V., si comunica che Mario Michele Merlino venne fermato la sera del 12.12.1969, alle ore 20.30, in questa via Liberiana 17, nei pressi della propria abitazione, dal Brigadiere di P.S. Ugo Prete e dalla Guardia di P.S. Giovanni Petroccione.

Il predetto, interpellato immediatamente, dichiarò al Commissario di P.S. dott. Umberto Improta che il pomeriggio del 12 detto era uscito di casa alle ore 17 e, dopo avere girovagato per la zona di S. Giovanni, era rincasato alle ore 19. Sentito a verbale la mattina successiva confermò la dichiarazione (vedasi verbale allegato al rapporto pari numero ed oggetto del 14.12.1969).

Il dott. Improta, alle ore 12,30 dello stesso giorno 13, inviò il brigadiere di P.S. Mario Felisatti a casa del Merlino per controllare la veridicità delle sue affermazioni.

La madre di questi, Vanda Telesio in Merlino, dichiarò al predetto sottufficiale che il figlio Mario Michele il pomeriggio del giorno precedente era uscito di casa verso le ore 16,30 per recarsi all’Istituto di Sociologia, per motivi di studio, ed era rincasato alle ore 18,30 circa.

Per quanto attiene a Stefano Sepieri, si fa presente che lo stesso, la sera del 12.12.1969, venne convocato telefonieamente in questo ufficio dal dott. Improta.

Il Serpieri, giunto in Questura a tarda ora, sostò per alcune ore nella sala di attesa di questo ufficio, dove si trovavano numerosi fermati, tra cui il Merlino.

Durante le ore di permanenza in ufficio, fu interpellato, in via confidenziale, dal dott. Improta se avesse indicazioni da fornire sui responsabili degli attentati.

Il Serpieri non fornì alcuna indicazione»

5 Lettera in data 19 dicembre 1969 del Procuratore della Repubblica di Milano dr. De Peppo al Procuratore della Repubblica di Roma: «Trasmetto gli allegati atti (rapporto sul fermo di p.g. di Valpreda Pietro – verbale di fermo – esame della teste Torri Rachele, zia del Valpreda) dato che il fermo del suddetto fu ordinato da codesto ufficio e il fermato fu tradotto costà». .

Annunci

Tag: , ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: