1972 01 15 Umanità Nova – Sarà rinviato il processo per la strage? Si riaprono le polemiche sull’aula. Intanto Valpreda muore lentamente. di Comitato Politico-Giuridico di Difesa

1972 01 15 Umanità Nova - Sarà rinviato il processo per la strage? Si riaprono le polemiche sull’aula.

 

Le notizie che riceviamo dal carcere ed il tono delle ultime lettere di Gargamelli e Valpreda ci inducono a preoccuparci seriamente, oltre che delle loro considerazioni fisiche, anche e soprattutto del loro equilibrio psichico.

Valpreda, non lo dimentichi nessuno, è entrato a Regina Coeli in buone condizioni di salute e sanissimo di mente. Ora, se non si provvederà con urgenza per un suo ricovero in una clinica specializzata, non arriverà al processo o sarà ridotto, per quella data, in un rottame umano.

Noi denunciamo il lento ma sicuro assassinio che si sta compiendo scientemente dal momento che non si è disposto affinchè Valpreda avesse tutte le cure del caso e fosse sottoposto, con le debite garanzie, agli interventi chirurgici suggeriti da eminenti medici.

Intervenga con tutta l’energia e tutta l’urgenza necessaria chi ha il dovere di intervenire, chi è convinto o mostra di essere convinto, di poter strappare un po’ di giustizia all’ingiustizia istituzionalizzata dello Stato.

L’aula alibi

Se non ci fossero dei compagni innocenti che da 25 mesi sono in carcere in attesa di un assurdo processo, ci lasceremmo prendere la mano da accenti ironici fino ad abbandonarci al più sfrenato umorismo.

La situazione dei compagni in carcere ci impone invece la massima serietà.

Dopo lungaggini di ogni genere si era deciso, contro il comune buon senso e contro il parere di tutta la stampa, di celebrare il processo nell’aula angusta del palazzaccio ed il presidente del tribunale dispose personalmente perché fosse convenientemente, adattata con modifiche costosissime (25 milioni). Oggi, a lavori ultimati, è lo stesso presidente del tribunale dottor Falco che, in coro con la stampa, informa la Procura della «inagibilità» dell’aula.

Sembra che i lavori siano serviti, più che altro, per rendere più pericolosa quella specie di fossa scelta per consentire, in pratica, un processo a porte chiuse, senza pubblico…indiscreto. Infatti sono state murate le sue porte laterali e ridotta ad uno stretto e tortuoso budello quella centrale e si sono ricavati a stento 18 posticini per i duecento e più giornalisti previsti. Si otterrà, in queste condizioni, il «nulla osta» alla agibilità dai pompieri? E qualora, in spregio a tutte le norme di sicurezza, si ottenesse, in base a quale dettato procedurale si costringeranno gli avvocati ad accatastarsi uno sulle spalle dell’altro ed i giornalisti ad estrarre a sorte i pochissimi e scomodissimi posti a loro disposizione?

Il pubblico non è contemplato e su questo niente da eccepire perché evidentemente in tanta e così varia congerie di rebus e quiz si è giocato sul fatto che ufficialmente il dibattimento è …pubblico. Ce ne staremmo quindi quieti se in tutto questo non ravvisassimo il pericolo che, premeditatamente o no, si decida all’ultimo momento di rinviare il processo, nel quale caso la aula sarebbe un alibi perfetto per un epilogo perfetto, con qualche funerale a spese della amministrazione carceraria.

Annunci

Tag: , , , , ,

Una Risposta to “1972 01 15 Umanità Nova – Sarà rinviato il processo per la strage? Si riaprono le polemiche sull’aula. Intanto Valpreda muore lentamente. di Comitato Politico-Giuridico di Difesa”

  1. sergiofalcone Says:

    L’ha ribloggato su sergiofalcone.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: