1972 03 18 Umanità Nova – La sinistra rivoluzionaria ha diritto ai 50 milioni di taglia. di Il Centro di Controinformazione della sinistra rivoluzionaria.

1972 03 18 Umanità Nova - Vogliamo noi la taglia di 50 milioni

 

A Sua Ecc. On. Mariano Rumor – Ministro degli Interni – Roma.

«Egregio Signor Ministro, ricorderà certamente che il 15 dicembre 1969, a tre giorni di distanza dal tragico attentato di Piazza Fontana, Ella ebbe generosamente a destinare, d’accordo con il Suo predecessore On. Franco Restivo, una taglia di 50 milioni di lire italiane a “chiunque fornisca notizia che portino alla identificazione degli autori della strage di Milano”.

Tale promessa, stimolando in noi il senso dei valori proprio della società che Ella così autorevolmente rappresenta, ci indusse ad iniziare immediatamente un lavoro di indagine che si concluse, sei mesi più tardi, con la pubblicazione del libro “La Strage di Stato” per i tipi della casa editrice “Nuova Sinistra”.

Il detto volume, di cui Le inviamo copia in omaggio giacché le altre 99.999 sono state diffuse privilegiando luoghi che presumiamo Ella trovi difficoltà a frequentare, quali fabbriche e scuole, contiene indicati per nome e cognome alcuni dei mandanti e degli esecutori materiali dell’impresa criminosa da lei immediatamente commentata con le nobili parole “ciò rende urgente e indifferibile la ricomposizione del centro-sinistra organico”.

Leggendolo potrà rendersi conto di come le indicazioni in esso contenute abbiano trovato, nei mesi successivi, puntuale riscontro in una serie di iniziative della Magistratura, la inchiesta-istruttoria sulla morte di Armando Calzolari, l’invio alla Corte di Assise di Roma da parte della Procura milanese di documenti relativi alle rivelazioni dell’Avvocato Ambrosini, del quale nel libro era stata purtroppo prevista l’immatura scomparsa, i mandati di cattura contro i fascisti Stefano Delle Chiaie (soprannominato, ci perdoni il termine, “Caccola”), Junio Valerio Borghese, Franco Freda, Giovanni Ventura ultimo in ordine di tempo, ma non di importanza, Giuseppe Rauti (detto “Pino”) che ne confermano la piena attendibilità.

In particolare La preghiamo di soffermare la sua attenzione sulle pagine 94, 95, 96, 138, 139, 140, 141, 142, 143 del libro in questione, nelle quali la figura del Rauti, incriminato, tra l’altro, “per una serie di attentati terroristici verificatisi nel corso del 1969,” viene alla ribalta, nella sua veste di agente dei servizi segreti greci (K.Y.P.), come uno dei maggiori organizzatori della “strage di stato”.

Certi che il mancato ricevimento da parte nostra della taglia promessa sia esclusivamente da attribuirsi ad un disguido burocratico, e salvo un’opposizione in merito, a questo punto peraltro improbabile, da parte degli eredi del defunto Sig. Rolandi Cornelio, di professione tassista, restiamo in fiduciosa attesa dei 50 milioni. Tale cifra, che preferiremmo ci venisse accreditata, ove possibile, sotto forma di buoni del tesoro, verrà da noi equamente suddivisa tra i vari gruppi della sinistra rivoluzionaria i quali attualmente versano, nonostante le rivelazioni ahimè fantasiose de “l’Unità” sui fondi provenienti da parte confindustriale, in gravi difficoltà economiche, affinchè possano degnamente continuare nella loro lotta contro le istituzioni che Ella, Signor Ministro, tanto efficacemente difende.

Sperando in un Suo sollecito riscontro, distintamente La saluta

Il “Centro di Controinformazione della sinistra rivoluzionaria“. ».

Annunci

Tag: , , , , , , ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: