1969 12 12 Paese Sera ore 21 – 13 morti a Milano Una bomba in una banca

1969 12 12 Paese Sera ore 21 - 13 morti a Milano. Una bomba in una banca

 

MILANO, 12 — Uno scoppio si è verificato poco dopo le 16,30 in piazza Fontana nel salone centrale della sede della Banca nazionale dell’Agricoltura. Non si conoscono ancora le cause dell’incidente, ma si tratterebbe dell’esplosione di una bomba. Secondo un bilancio provvisorio fatto dalla polizia, vi sarebbero 13 morti e una quarantina di feriti. Molte altre persone – a quanto si apprende – sono rimaste ferite leggermente da schegge di vetro e si sono fatte medicare nelle farmacie della zona.

Continuano intanto le opere di soccorso. I vigili del fuoco, coadiuvati dalle forze dell’ordine, lavorano alacremente per portare soccorso ai feriti. Sulle cause che hanno provocato il disastro, le autorità ancora non si pronunciano. E’ stata avanzata l’ipotesi che la deflagrazione sia stata provocata dallo scoppio della caldaia del riscaldamento. Ma le caldaie sono intatte. Perciò si pensa, anche in collegamento alle esplosioni di Roma, che si sia trattato di una bomba. Tutte le ipotesi, comunque, sono, fino a questo momento, valide. Preoccupazione della autorità, infatti, è quella di portare soccorso alle vittime dello scoppio.

Tutta piazza Fontana e le principali vie che circondano il Duomo sono bloccate: tenute sgombere per il passaggio dei mezzi di soccorso.

Sul posto, si trova il prefetto, dott. Libero Mazza, che sovraintende alle operazioni di soccorso.

Un incidente è occorso a un’auto dei vigili del fuoco, che mentre si recava in piazza Fontana si è scontrata con un camioncino. Si lamenta un ferito grave.

=========

A ROMA

Due bombe sono state fatte esplodere intorno alle 17.30 alla base dell’Altare della Patria, in piazza Venezia. Uno dei due ordigni è esploso sul lato di via dei Fori Imperiali, l’altro sul lato opposto. Pare che vi siano stati dei feriti, accompagnati in ospedale con macchine private, ma la circostanza non è stata confermata.

Un’altra esplosione vi è stata nel sotterraneo della Banca Nazionale del Lavoro in via di San Basilio, fra via Bissolati e piazza Barberini. Sul posto sono affluiti oltre dieci mezzi dei vigili del fuoco. Nella esplosione – secondo notizie raccolte presso l’ospedale Policlinico – sono rimaste ferite quasi quindici persone, di cui almeno una in modo grave.

La polizia e i carabinieri sono mobilitati. Lo spazio antistante all’Altare della Patria è stato transennato, mentre sono in corso approfondite indagini per accertare la causa dell’esplosione nei sotterranei della Banca Nazionale del Lavoro. Il collegamento con quanto avvenuto a Milano – forse prematuro – sorge comunque spontaneo.

 

 

Annunci

Tag: ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: