1970 05 3 Paese Sera – Su Porta S Giovanni per Valpreda e Pinelli.Da venerdì pomeriggio alcuni giovani anarchici, arrampicati sulle mura di Porta San Giovanni, stanno manifestando in favore di Pietro Valpreda e contro la versione della polizia sulla morte di Giuseppe Pinelli.

1970 05 3 Paese Sera - Su Porta S Giovanni per Valpreda e Pinelli

Su Porta S. Giovanni per Valpreda e Pinelli

 

Gli anarchici buttano dall’alto ai passanti manifestini nei quale è scritto che «Accusare Valpreda significa difendere i veri colpevoli». Nel volantino si ricordano gli ultimi attentati dinamitardi affermando che «i continui arresti degli anarchici (fatti chiaramente allo scopo di dare un colpevole all’opinione pubblica e nasconderle i veri) non hanno fermato i criminali attentati… Tollerare che degli innocenti vengano incriminati, disinteressarsi della loro sorte, vuol dire rendersi corresponsabili di ogni ulteriore azione che i veri colpevoli, liberi, potranno compiere».

I giovani hanno attaccato alle mura un lungo striscione sul quale è scritto «Valpreda è innocente: Giustizia» e alzano cartelli che affermano «Le bombe alla banca le ha messe il padronato» e «Le bombe le mettono i fascisti». I protagonisti della singolare manifestazione affermano di essere in più di dieci, ma non se ne vedono mai più di quattro per volta: probabilmente si danno il cambio.

In questura, dopo qualche consultazione di vertice, si è deciso di non intervenire. Gli anarchici, a quanto pare, hanno deciso di sospendere la protesta entro stasera, dopo essere rimasti per oltre 48 ore in una posizione scomoda e anche abbastanza pericolosa.

La loro azione, comunque, è stata seguita per tutta la giornata da numerosi passanti che si sono fermati sotto le mura a discutere e commentare.

 

Annunci

Tag: , ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: