1970 06 28 Secolo d’Italia – Cudillo a Milano per due interrogatori.

1970 06 28 Secolo d'Italia - Cudillo a Milano per due interrogatori

Prosegue l’inchiesta giudiziaria sulla strage alla Banca dell’Agricoltura

Cudillo a Milano per due interrogatori

 

Milano, 27. – II Giudice istruttore dr.
Cudillo, incaricato delle indagini per l’attentato comunista di piazza Fontana
del 12 dicembre scorso, a
seguito del quale persero la
vita sedici persone ed altre
novanta rimasero ferite, è
giunto nelle prime ore del
pomeriggio alla stazione
centrale di Milano con il
super rapido proveniente
da Roma. Il Magistrato romano, che era accompagnato dal sostituto Procuratore della Repubblica, dr.
Occorsio, e dal cancelliere
Ponari, del Tribunale di
Roma, si trova a Milano
per ulteriori indagini sulla
strage avvenuta nella Banca Nazionale dell’Agricoltura.

Alle 17,30, il dott. Cudillo, il dr. Occorsio e il cancelliere Ponari sono giunti al Palazzo di Giustizia. Accompagnati da alcuni funzionari di Polizia, i due Magistrati sono saliti al primo piano, dove si trova l’ufficio istruzione: qui era ad attenderli il Giudice istruttore dott. Lo Russo. Una mezz’ora prima erano giunti al Palazzo di Giustizia due giovani che erano stati convocati dal dottor Cudillo per essere interrogati. I due sono Giovanni Russo e Claudio Muti, i quali hanno atteso l’arrivo, dei Magistrati seduti su una panca posta nel corridoio antistante l’ufficio istruzione.

Prima di interrogare i due testi, il dott. Cudillo, sempre accompagnato dal dott. Occorsio e dal cancelliere, è salito al quarto piano e si è recato nell’ufficio del Procuratore Capo della Repubblica di Milano, dott. De Peppo.

A quanto pare Claps e D’Errico, le cui testimonianze sono ritenute importanti, sono attualmente a Milano.

Per primo è stato interrogato il Muti, poi il Russo.

Sul contenuto dei colloqui i Magistrati non hanno voluto dare indicazioni. Il dott. Occorsio si è limitato a dire che «sono stati sentiti due testimoni di secondaria importanza».

Per domani mattina sono previsti altri interrogatori e, come hanno riferito gli stessi Magistrati, «non è escluso che venga sentito anche il tassista Cornelio Rolandi», il principale testimone d’accusa contro Valpreda. Il Rolandi si trova attualmente ricoverato in una clinica cittadina ed è probabile che i Magistrati si rechino a trovarlo nel pomeriggio di domani.

Annunci

Tag: ,


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: